National Smile Day: il CBD e la felicità

Il 31 maggio è il National Smile Day, una giornata dedicata a celebrare il potere di un semplice sorriso nel diffondere gioia e positività. E se vi dicessimo che il CBD, oltre a promuovere il benessere generale, può effettivamente aiutarvi a sorridere di più?

  • cbd e sorriso

Perché celebrare il National Smile day?

I sorrisi sono potenti! Non solo creano un coinvolgimento tra due persone, ma più una persona sorride, più il suo cervello può essere sano. Sorridere ha un legame diretto con il nostro cervello e può contribuire a ridurre lo stress. C’è così tanto che un sorriso può fare. Anche un solo sorriso può rallegrare la giornata di qualcuno. Può anche migliorare la tua giornata. I sorrisi sono contagiosi. Un sorriso sano può sviluppare la fiducia e generare una nuova prospettiva sul mondo.

Nella ricerca della felicità, comprendiamo il ruolo vitale della chimica del nostro corpo nel raggiungerla. Tra i numerosi composti che influenzano il nostro umore, la serotonina, spesso conosciuta come il “chimico della felicità“, spicca. Tuttavia, sei consapevole del collegamento tra questo cruciale neurotrasmettitore e il CBD, un composto derivato dalla cannabis? Approfondiamo questa intrigante correlazione e scopriamo come puoi potenziare la tua felicità sfruttando i prodotti di NativaCBD.

La storia del sorriso

La storia del sorriso può essere fatta risalire alle scimmie e alle scimmie antropomorfe, secondo la primatologa Signe Preuschoft. Questi animali mostrano i denti in una sorta di sorriso per mostrare dominanza o avvertire i predatori. La teoria è che gli esseri umani abbiano copiato questo comportamento e, nel corso del tempo, il sorriso si sia evoluto per mostrare divertimento e godimento. Le ricerche indicano che, sulla via della rappresentazione della felicità, i sorrisi erano un modo per attirare partner tra gli esseri umani primitivi.

Se vi siete mai chiesti perché i ritratti più antichi spesso mostravano persone non sorridenti, era perché le persone di quell’epoca avevano molte carie causate dallo zucchero e da una dieta povera. Inoltre, era più comune la percezione aristocratica che sorridere e ridere fosse sconveniente e mostrasse una mancanza di autocontrollo o di buone maniere. Una delle poche eccezioni era la “Mona Lisa” di Leonardo da Vinci, anche se l’ambiguità del ritratto è parte della sua fama. Con l’evolversi dell’odontoiatria e di un atteggiamento di autenticità, le persone iniziarono a sorridere anche nei ritratti, questa volta mostrando i denti.

Gli studi sulle fotografie degli annuari scolastici negli anni indicano che l’ampiezza dei sorrisi è aumentata nel corso degli anni. Lo studio indica che, poiché i partecipanti dovevano mantenere la posa per periodi più lunghi nei primi giorni della fotografia, i loro sorrisi si attenuavano gradualmente. La prevalenza del sorriso nel recente passato è legata alla cultura e alle tradizioni e varia da paese a paese. 

Alcune regioni con alto individualismo e bassa densità di popolazione avevano un’incidenza maggiore di persone che sorridevano. Uno studio ha scoperto che il motivo principale per cui le persone sorridono, tuttavia, può essere attribuito alla tradizione di immigrazione diversificata di un paese nel corso del tempo. Quindi luoghi come il Brasile e gli Stati Uniti, dove le persone non condividono usi e costumi o lingue comuni, vedono un’incidenza più alta di sorrisi. Lo studio afferma che questo è perché il sorriso fa parte di un linguaggio universale.

Un neurologo francese, Guillaume Duchenne, che studiava il meccanismo dell’espressione facciale, scoprì che esistono due tipi di sorrisi: un sorriso di Duchenne e un sorriso non di Duchenne. Il primo sorride con gli occhi o è un sorriso genuino, mentre il secondo è un sorriso ambiguo, non genuino o semplicemente cortese.

CBD e serotonina

Cos’è la Serotonina?

La serotonina è una sostanza chimica prodotta dal corpo umano, che funge principalmente da neurotrasmettitore. È anche chiamata la “molecola della felicità” per il suo ruolo significativo nel promuovere un senso di benessere e felicità. 

Ecco qualche informazione in più sulla serotonina:

  • Natura Chimica: Produciamo la serotonina dall’amminoacido essenziale triptofano, che entra nel corpo attraverso la dieta e viene poi convertito in serotonina.
  • Ruolo nel Corpo: Svolge un ruolo multiforme, influenzando varie funzioni corporee. Principalmente, aiuta a regolare l’umore, ma influenza anche la digestione, il sonno, la salute delle ossa e la coagulazione del sangue.
  • Regolazione dell’Umore: La serotonina è nota per la sua influenza sull’umore. Livelli bassi di serotonina sono spesso associati a disturbi dell’umore come depressione e ansia.
  • Regolazione del Sonno: Aiuta a regolare i cicli sonno-veglia e l’orologio interno o ritmo circadiano.
  • Funzione Digestiva: Curiosamente, la maggior parte della serotonina (circa il 95%) prodotta nel tratto gastrointestinale aiuta a controllare i movimenti intestinali e la funzione digestiva.
  • Salute delle Ossa: La serotonina svolge un ruolo nella densità ossea. Alti livelli di serotonina nelle ossa possono portare a una diminuzione della densità ossea.
  • Coagulazione del Sangue: Viene rilasciata dalle piastrine in caso di ferita, aiutando a ridurre il flusso sanguigno e a formare coaguli.
  • Farmaci che Agiscono sulla Serotonina: Molti antidepressivi, noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), funzionano aumentando i livelli di serotonina nel cervello.

Come può il CBD aiutare sui livelli di serotonina?

Il CBD ha effetti sui livelli di serotonina, che possono influire positivamente sull’umore e sull’ansia. Ecco i principali benefici del CBD sui livelli di serotonina:

  • Interazione con i recettori della Serotonina: Il CBD potrebbe non aumentare direttamente i livelli di serotonina, ma sembra influenzare il modo in cui i recettori chimici del cervello reagiscono alla serotonina già presente. Specificamente, il CBD si lega e attiva il recettore della serotonina 5-HT1A, svolgendo un ruolo importante nei disturbi d’ansia.
  • Gestione dell’Ansia e della Depressione: Influenzando i recettori della serotonina, il CBD potrebbe avere effetti antidepressivi e ansiolitici. Molte persone con depressione e ansia si sono rivolte al CBD come alternativa naturale ai farmaci come gli SSRI, anche se è importante consultare un operatore sanitario prima di apportare modifiche ai piani di trattamento.
  • Effetti Indiretti sull’Umore: Pur influenzando direttamente i livelli di serotonina, il CBD potrebbe anche influire sull’umore e sull’ansia attraverso altri meccanismi, come le sue proprietà antinfiammatorie o la sua capacità di indurre rilassamento e migliorare il sonno.
  • NeurogenesiAlcuni studi suggeriscono che il CBD possa promuovere la neurogenesi, in particolare nell’ippocampo, un’area del cervello associata alle emozioni e alla memoria. La neurogenesi (la formazione di nuovi neuroni) può influenzare i livelli di serotonina e contribuire a migliorare l’umore.
  • Riduzione dello Stress: Riducendo lo stress e migliorando l’umore, il CBD potrebbe supportare indirettamente la produzione di serotonina. Lo stress cronico esaurisce i livelli di serotonina, quindi mitigando lo stress, il CBD potrebbe potenzialmente aiutare a mantenere livelli adeguati di serotonina.

CBD e dopamina

Che cos’è la dopamina?

La dopamina è un neurotrasmettitore che funge da messaggero chimico, permettendo la comunicazione tra i neuroni o cellule nervose. Appartiene alla famiglia delle catecolamine e viene utilizzata come molecola precorritrice per produrre altri neurotrasmettitori come l’adrenalina e la noradrenalina. Mentre viene prodotta principalmente dai neuroni dell’area dopaminergica nel cervello, una piccola quantità proviene anche dalla porzione midollare delle ghiandole surrenali. Le aree cerebrali coinvolte nella produzione di dopamina includono la corteccia frontale, il telencefalo e l’amigdala.

La dopamina svolge funzioni diverse sia a livello del sistema nervoso centrale che di quello periferico. Nel sistema nervoso centrale, regola il movimento, l’umore, la memoria e altre funzioni cognitive. Inoltre, inibisce la produzione di prolattina, modula la sensazione di piacere e il sonno.
Nel sistema nervoso periferico, la dopamina agisce come vasodilatatore, favorendo il flusso sanguigno. Supporta anche le funzioni intestinali come la motilità e stimola l’eliminazione del sodio attraverso le urine.

Come può il CBD aiutare sui livelli di dopamina?

Il CBD (cannabidiolo) è stato studiato per il suo potenziale ruolo nell’influenzare i livelli di dopamina nel cervello. Ecco alcuni potenziali benefici del CBD in relazione all’aumento della dopamina:

  • Regolazione dei livelli di dopamina: Il CBD potrebbe aiutare a regolare i livelli di dopamina. Non aumenta necessariamente i livelli di dopamina direttamente ma potrebbe influenzare i recettori della dopamina nel cervello. Modulando questi recettori, il CBD potrebbe potenzialmente aiutare a mantenere livelli ottimali di dopamina, contribuendo a migliorare l’umore e la funzione cognitiva.
  • Impatto sulla ricompensa e sul piacere: La dopamina è spesso nota come il neurotrasmettitore del “benessere” perché è associata a sensazioni di piacere e ricompensa. L’interazione del CBD con i recettori della dopamina potrebbe migliorare queste sensazioni, potenzialmente aiutando le persone con disturbi dell’umore o mancanza di motivazione.
  • Miglioramento della funzione cognitiva: La dopamina svolge un ruolo cruciale nei processi cognitivi come attenzione e memoria. Potenzialmente influenzando i livelli di dopamina, il CBD potrebbe contribuire a migliorare le funzioni cognitive, specialmente in condizioni come il DDAI, dove si osserva spesso una disregolazione della dopamina.
  • Trattamento della dipendenza: Il CBD potrebbe aiutare nel trattamento della dipendenza, poiché potrebbe modificare i circuiti nel cervello legati alla dipendenza da droghe. Potrebbe contribuire a ridurre il comportamento di ricerca di ricompensa guidato dalla dopamina spesso osservato nella dipendenza.
  • Gestione dello stress e dell’ansia: Stress e ansia possono influire negativamente sui livelli di dopamina. Il CBD è noto per i suoi effetti calmanti, che potrebbero indirettamente supportare il mantenimento di livelli di dopamina sani riducendo lo stress e l’ansia.
  • Proprietà neuroprotettive: Le proprietà neuroprotettive del CBD potrebbero anche giovare ai neuroni dopaminergici, cosa che potrebbe essere particolarmente rilevante per le malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, dove i neuroni produttori di dopamina vengono progressivamente persi.

Celebra il National Smile Day con NativaCBD

In questa giornata dedicata al potere dei sorrisi, vi invitiamo a unirvi alla celebrazione provando gli straordinari benefici del CBD. I prodotti di alta qualità di Nativa CBD, dall’olio di CBD alle infiorescenze di Cannabis Sativa 100% Legale, sono tutti formulati per promuovere uno stato di benessere e serenità. Che voi stiate cercando un sollievo naturale dallo stress e dall’ansia o semplicemente desideriate potenziare il vostro umore, il CBD potrebbe essere la chiave per quella sensazione di leggerezza che permette di sorridere con più facilità

Visitate il sito nativacbd.it ed esplorate la nostra vasta gamma di prodotti al CBD derivati dalla coltivazione biologica di canapa. Lasciatevi travolgere dai potenziali benefici del CBD e unite il vostro sorriso al nostro in questa giornata speciale!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Ciao,
vorrei informazioni sui vostri prodotti !